Yarix presenta il terzo YSOC SECURITY REPORT

COMUNICATO STAMPA Yarix, divisione Digital Security di Var Group: nella seconda metà del 2019 boom di attacchi hacker contro il comparto del gaming (+50%)

COMUNICATO STAMPA

Yarix, divisione Digital Security di Var Group: nella seconda metà del 2019 boom di attacchi hacker contro il comparto del gaming (+50%)

Nelle violazioni di livello critico, il cybercrime continua a manifestare la capacità di agire su scala industriale, standardizzando procedure e massimizzando il ritorno.

Empoli, 25 marzo 2020 –  Fari accesi sul settore del gaming (giochi e scommesse online) e sviluppo di tecniche di attacco informatico capaci di mettere a segno violazioni di grande magnitudo, a fronte di uno sforzo complessivo contenuto: il report elaborato da Yarix, la divisione Digital Security del colosso italiano Var Group, scatta la fotografia aggiornata della contrapposizione – continua e serrata – tra il cybercrime e le organizzazioni pubbliche e private, impegnate nella difesa del proprio perimetro di sicurezza digitale.

Curato dagli analisti del Cognitive Security Operation Center (C SOC) di Yarix, il report si riferisce al secondo semestre 2019 e quantifica l’esposizione del sistema Italia agli attacchi hacker, a partire da un punto di osservazione ‘di frontiera’. Il C SOC è, infatti, un sofisticato bunker informatico, che 24 ore al giorno monitora e gestisce la sicurezza delle reti aziendali e pubbliche, attraverso sistemi computazionali predittivi e cognitivi di ultima generazione.

“Il timido decremento nel numero di attacchi registrati nel secondo semestre 2019 non deve trarre in inganno: viviamo un momento di straordinaria esposizione e vulnerabilità informatica. Milioni di italiani si sono affacciati, nelle ultime settimane, allo smart working, accedendo alle reti aziendali dalla propria abitazione. Spesso in assenza delle necessarie protezioni di sicurezza.” – commenta Mirko Gatto, CEO di Yarix, Divisione Digital Security di Var Group – “In parallelo, assistiamo a movimenti assai preoccupanti da parte del cybercrime, articolato in gruppi che condividono lo stesso modus operandi e adottano tecniche pensate per funzionare su scala industriale. Mai come in queste ore è necessario dotarsi di strumenti e professionalità atte alla protezione della sicurezza informatica, sedimentando la necessaria cultura della cybersecurity presso tutti i livelli della propria organizzazione”.

 

I risultati in cifre (luglio/dicembre 2019)

  • 599 eventi di sicurezza rilevati (-40% su primo semestre): possibili violazioni dei livelli di sicurezza informatica definiti da ciascuna organizzazione, tali da configurare una situazione di potenziale rischio;
  • 483incidenti di sicurezza (-53% su primo semestre): si tratta delle situazioni più gravi, tali da pregiudicare l’utilizzo di asset aziendali, violare disposizioni aziendali o di legge, causare la perdita o la diffusione di dati, etc;
  • 28 eventi critici (+1% su primo semestre): offensive particolarmente gravose in termini di rischio e impatti sull’infrastruttura digitale dell’organizzazione. Richiedono interventi di Emergency Response per ripristinare la normalità dei sistemi e implementare le necessarie contromisure di prevenzione;

 

I comparti più colpiti – focus aziende Gaming

In linea con i dati emersi nel primo semestre, i settori del manufatturiero e dell’Information Technology restano ai primi posti in termini di attacchi subiti.

Cresce, al contempo, l’attenzione del cybercrime nei confronti delle piattaforme online di giochi e scommesse: sempre più popolare presso un pubblico ampio e trasversale, il comparto del Gaming registra, infatti, un +50% rispetto ai primi sei mesi del 2019.

Il picco si è verificato nei mesi di ottobre/novembre 2019, quando, in più occasioni, si è manifestata una nuova modalità di attacco che aumenta la capacità offensiva del classico format del ‘denial of service’. Oltre a saturare le risorse della rete attaccata, gli hacker generano traffico malevolo presentandosi in rete con un indirizzo IP del tutto simile a quello dell’azienda di gaming ‘vittima’. In questo modo, siti web terzi vengono inondati di richieste anomale, non collegate alla normale navigazione e in numero tale da saturare il numero di operazioni consentite. Ne consegue un danno serio e duplice:

  • L’indirizzo IP dell’azienda di gaming attaccata vede ridursi la propria reputazione online (blacklist), fino a trovarsi nella condizione di non poter più raggiungere fornitori o servizi vitali per il business;
  • Gli stessi utenti della piattaforma di gaming attaccata si trovano nell’impossibilità di giocare, come conseguenza del ‘denial of service’ generato dagli hacker (danno diretto di business).

 

Analisi qualitativa: cresce l’efficacia degli attacchi, a parità di sforzo

I dati rilevati da Yarix nel secondo semestre 2019 confermano la presenza in rete di servizi e protocolli esposti e privi di protezione. Attraverso semplici strumenti di indicizzazione e scansione automatica del web, gli hacker sono in grado di individuare queste falle e di infiltrarsi così nei sistemi informatici. Una situazione indicativa, quest’ultima, di due situazioni allarmanti:

  • Imprese e istituzioni continuano, in massima parte, a sottodimensionare il rischio cyber;
  • La massiccia diffusione dello smart working – in seguito all’emergenza sanitaria in corso – ha imposto alle imprese di rendere agibili, da remoto, servizi prima fruiti solo all’interno del perimetro fisico aziendale. È evidente che, in assenza di specifici accorgimenti di sicurezza digitale, le opportunità di aggressione del cybercrime andranno inesorabilmente aumentando.

 

Una ulteriore considerazione qualitativa riguarda il modus operandi degli attaccanti: l’analisi di una serie di episodi reali – verificatisi in Italia tra settembre e dicembre 2019 – indica che gruppi affini di hacker impiegano procedure di attacco standard, assicurandosi così il massimo ritorno possibile a fronte di un ‘investimento criminale’ contenuto.

Nello specifico, la connotazione industriale degli attacchi in questione è evidente dalle modalità adottate, che permettono di infettare non solo la porzione di rete accessibile al singolo utente, ma l’intero sistema, laddove si trovano le informazioni sensibili e il backup di tutti i dati.

La compromissione in due step: la prima fase vede l’invio massivo di allegati malevoli, che, una volta insinuatisi nel singolo dispositivo, aprono il varco ad un secondo malware. È quest’ultimo a creare il vero canale d’accesso per l’hacker, che a questo punto è in grado di bloccare l’intera organizzazione, cifrando i sistemi e cancellando documenti potenzialmente vitali. Gli episodi illustrati nel report di Yarix hanno riguardato 4 aziende molto diverse tra loro per dimensione e comparto: in tutti i casi, il modus operandi è stato il medesimo, con l’unica variante che i riscatti chiesti dai cybercriminali sono stati modulati, in termini di importo, in funzione del fatturato della vittima.

 

Il metodo

  • Il report restituisce una rielaborazione analitica dei dati provenienti dalle aziende monitorate dal SOC e corrispondenti alla base dei clienti di Yarix, nella quale trovano espressione, in maniera trasversale, i diversi settori dell’economia nazionale. Le imprese rappresentate nel panel analizzato occupano, in media, oltre il migliaio di addetti e sviluppano fatturati superiori ai 50 milioni di euro. I dati sono stati normalizzati statisticamente e resi omogeni in modo da poter essere utilizzati come output quantitativo fondato e utile a supportare considerazioni qualitative.
  • La base di dati proveniente dal SOC è stata integrata con ulteriori informazioni di Threat Intelligence, derivanti da fonti interne (Honeypot) e da collaborazioni con istituzioni, enti e altre aziende.

Newsletter Yarix

Iscriviti alla newsletter di Yarix per rimanere informato sulle ultime notizie in ambito Digital Security.